Sibelius Reloaded

Sibelius Reloaded – ARTE Quartett

Home  /  2017/18  /  Current Page

Per la stagione 2017/2018 il celebre quartetto di sassofoni svizzero ARTE ha portato a compimento un nuovo programma incentrato su concerti e progetti interdisciplinari con i wind controller. Compositori e specialisti di musica elettronica sono quindi stati i loro principali referenti nell’esplorazione delle diverse possibilità degli strumenti a fiato elettronici. Originariamente concepito come un sintetizzatore per fiati e suonato da noti esponenti nel mondo del jazz e della musica rock, lo sviluppo tecnico del wind controller ha aperto nuove possibilità nel campo della performance artistica, al punto che per l’interprete è ora possibile controllare non solo il suono, ma anche fonti di luce e in combinazione con Max MSP si possono realizzare complesse opere multimediali.

Il progetto DIGITAL WIND vuole trasformare informazioni digitali in nuovi suoni e nuove immagini, sulla base di quanto il quartetto ARTE ha saputo fare – in oltre vent’anni di esperienza – reinventando il ruolo dei quattro sassofoni con un linguaggio sonoro molto ricco e dettagliato. La trasmissione delle più fini sfumature della tecnica degli strumenti a fiato ai wind controller vuol qui schiudere a un nuovo tipo di musica da camera elettronica.

Il quartetto ARTE ha commissionato a Kaj Duncan David e Wolfgang Heiniger due composizioni di ampio respiro. Entrambi i compositori sono ben noti nel mondo della musica elettronica e in questo ambito hanno al loro attivo numerose opere in forme diverse. L’anglo-danese Kaj Duncan David negli ultimi tempi si è inoltre dedicato sempre più approfonditamente a progetti interdisciplinari con suono, luce e video.

In aggiunta al nuovo programma il quartetto ARTE interpreterà anche il pezzo Image à Rameau di Philippe Leroux, in prima esecuzione europea. Il compositore francese ha infatti recentemente pubblicato una nuova versione della composizione, appositamente adattata per quattro wind controller. Il legame con Sibelius sarà invece stabilito da una trascrizione microtonale di Wolfgang Heiniger di un brano del compositore nordico.

ARTE Quartett

Beat Hofstetter, EWI (Electronic Wind Instrument)

Sascha Armbruster, EWI

Andrea Formenti, EWI

Beat Kappeler, EWI

I quattro e sassofonisti Beat Hofstetter, Sascha Armbruster, Andrea Formenti Beat Kappeler hanno fondato l’ARTE Quartett nel 1995. Il nome simboleggia la volontà dell’ensemble di stabilire una propria visione dell’interpretazione delle musiche del nostro tempo, ridefinendo via via la rigorosa accezione di contemporaneo, jazz e libera improvvisazione.

L’ARTE Quartett ha lavorato a stretto contatto con compositori quali Urs Leimgruber, Hans Feigenwinter, Terry Riley, Michael Riessler, Tim Berne, Fred Frith, Nick Didkovski, Pierre Favre, Lukas Niggli, Nick Bärtsch, Rabih Abou-Khalil e Andreas Schärer, proponendosi nei più prestigiosi contesti musicali (stagioni e festival) in Svizzera e all’estero e realizzando anche svariate registrazioni accolte da grande apprezzamento di critica e pubblico.

Recensioni:

«Alla Queen Elizabeth Hall l’Arte Quartett ha suonato alcun brani di Tim Berne in modo ineccepibile: una precisione spettrale».

The Guardian

«Il quartetto ARTE convince come formazione per la spiccata coerenza sonora e interpretativa, che lascia al tempo stesso spazio alle individualità dei singoli musicisti». Basellandschaftliche Zeitung

«Una grandinata di suoni staccatissimi in velocità selvaggia invade l’udito e mette subito in chiaro: questa musica non vuole solamente intrattenere, vuole scuotere. E questo le riesce in modo efficace. Lungo applauso per la perfezione e la musicalità dell’interpretazione.»

Badische Zeitung


  • Details
  • Tags
  • More